Instagram


Amici Animali

In vacanza con gli animali

Quando decidiamo di affrontare un viaggio con i nostri amici pelosi, dovremmo conoscere alcune norme basilari che assicurino il benessere dell’animale e la nostra sicurezza.

Gatti e cani piccoli dovranno viaggiare all’interno di appositi trasportini; i cani grandi nella parte posteriore del mezzo con adeguata barriera separatoria o dentro un kennel adeguato.

Per viaggi molto lunghi, sarà bene programmare delle soste per permettere all’animale di muoversi, fare i bisogni e bere. 

Altro consiglio importante è di non lasciare mai l’animale da solo all’interno di qualsiasi mezzo, soprattutto nel periodo estivo.

Per chi viaggia in treno o in pullman, sarà d’obbligo tenere i gatti all’interno del trasportino e i cani sempre al guinzaglio, con museruola. Qualsiasi proprietario coscienzioso sarà inoltre provvisto dell’acqua da bere e di sacchetti per la raccolta delle deiezioni.

Quando si vola, sarà utile chiedere direttamente alla compagnia aerea le disposizioni per il trasporto degli animali. Sommariamente, la misura adeguata del kennel è quella che permette all’animale di stare in stazione quadrupedale e di girare su se stesso. I cani grandi vengono posti nella stiva, i piccoli possono viaggiare con il proprietario, ma non è sempre così, la decisione è del vettore.

Per quel che riguarda i traghetti, ormai sono tutti attrezzati per il trasporto di animali con aree predisposte alle esigenze igieniche e sgambatoi per assicurarne un adeguato movimento.

Quando si decide di andare in montagna, è bene osservare le norme, soprattutto nei parchi naturali; va prevenuta l’infestazione da zecche con spray, collari o spot-on antiparassitari.
Andare al mare con il cane è più difficile, soprattutto in certe regioni. In questo caso si può optare per spiagge appositamente attrezzate.

Attenti anche alla scelta degli alloggi per le vacanze, non sempre i cani e i gatti sono i benvenuti! Quando si viaggia in zone a rischio di leishmaniosi (malattia trasmessa da piccoli insetti chiamati flebotomi) o di filariosi (trasmessa dalle zanzare) è consigliabile un trattamento profilattico con prodotti adeguati.

Per chi viaggia nella UE e in Svizzera con cani, gatti e furetti, è d’obbligo possedere il passaporto europeo e che la vaccinazione contro la rabbia sia in corso di validità.
Alcuni Paesi europei richiedono anche un trattamento profilattico contro l’echinococco o le zecche; ancora più complicazioni per viaggi in Paesi extraeuropei, caso in cui è meglio chiedere aiuto al proprio veterinario di fiducia o all’ufficio veterinario della propria ALSS.
Si può anche visitare il sito web del ministero della Salute o delle ambasciate dei vari Paesi che si devono raggiungere.