Instagram


Azienda Agricola San Michele

200 ettari distribuiti tra i comuni trevigiani di Breda di Piave, Maserada, Spresiano e Conegliano, coltivati con il metodo biodinamico. 100 ettari coltivati a ortaggi, il resto a vigneto e seminativo e un allevamento di vacche, fondamentali per garantire fertilità al terreno e per la produrre il latte necessario per la produzione di formaggi. Terreni che in passato hanno subito numerose inondazioni e che oggi sono sabbiosi e limosi, “Una fortuna, tenendo conto che ciascun ortaggio cresce meglio se coltivato in terreni con caratteristiche specifiche” spiega Anito Bonadio, che dirige da circa 12 anni l’azienda agricola biodinamica San Michele, un vero e proprio organismo vivente che ha alle spalle una storia un po’ speciale.
Fu fondata nel 1987 da un gruppo di amici, animati da fervidi ideali e riuniti in quella che oggi è la Libera fondazione Rudolf Steiner.
Per il futuro, oltre alla volontà di realizzare un’unica struttura aziendale unita territorialmente,  il sogno è realizzare un vero e proprio centro di formazione sull’agricoltura biodinamica, per offrire ai giovani l’opportunità di praticare l’agricoltura biodinamica e di esserne promotori.
Newsletter
Ricevi in anteprima
sconti e promozioni
speciali
Trova negozio
Trova il negozio NaturaSì
più vicino a te!