Prodotti
Categorie

L’olio extravergine Ecor, l'oro di Puglia

Una terra rossa, una pianta che racconta la storia millenaria di uomo e ambiente

Tutto ciò è racchiuso nell’olio extra vergine d’oliva TERRA DI BARI “Castel del Monte”. Un patrimonio non solo alimentare e agricolo, ma che è anche espressione di cultura e bellezza paesaggistica.

L’olio extravergine di oliva Terra di Bari è rappresentato da tre tipologie d’olio, legate a diverse zone di produzione della provincia: “Castel del Monte”, “Bitonto”, “Murgia dei Trulli e delle Grotte”.

Le caratteristiche del territorio, la tradizione degli olivicoltori e il clima fanno da sempre di quest’olio, l’oro di Puglia.

Un lavoro di squadra per un olio di qualità

Abbiamo lavorato fianco a fianco fin dalla selezione dei produttori di olive e del frantoio, mettendo in campo la professionalità e l’esperienza non solo dei nostri agronomi, ma anche dei nostri uffici Controllo Qualità e Acquisti.

Una collaborazione creata attraverso frequenti visite e incontri diretti in una relazione trasparente e sinergica, segnale di una filiera della fiducia, che non ha escluso verifiche e controlli.

Il piano di controllo, prevede:

  • Monitoraggio multi residuale su foglie e drupe (olive) prima della raccolta;

  • Tracciabilità e monitoraggio qualitativo e multi residuale dei lotti moliti: stoccaggio dell’olio extra vergine d’oliva in silos dedicati e identificati con la denominazione Ecor

  • Monitoraggio qualitativo e  multi residuale delle masse pronte per l’imbottigliamento:  selezione e qualificazione dell’impianto;

  • Campionamento: allestimento di tre campioni per ciascun lotto di confezionamento, richiusi in buste numerate anti effrazione.

Un giusto prezzo impedisce l’abbandono dell’ovicoltura italiana

Fondamentale è la pianificazione della fase agricola e di trasformazione, grazie a un vero e proprio contratto di filiera. Il prezzo dell’olio si stabilisce insieme al frantoio e all’olivicoltore.

Alla fine degli incontri, delle verifiche e degli accordi, non è mancata mai una sincera stretta di mano, perché riconoscere il giusto prezzo  significa dare un futuro all’olivicoltura biologica italiana. 

Dalla nostra filiera

Oltre alla sicurezza documentale che segue tutti i passaggi dalla raccolta all’imbottigliamento e allo scaffale dei negozi NaturaSì e Cuorebio, con il progetto dalla nostra Filiera, ci impegniamo a creare un collegamento fra produttore, negoziante e consumatore.

Vogliamo condividere insieme l'esperienza di questo progetto in un processo di arricchimento comune.

I nostri produttori di Olive per Olio Extravergine Oliva Terra Di Bari-Castel del Monte

- Az. Agrinatura VEG di Giancarlo Ceci coltiva circa 50 ettari di oliveti cultivar Coratina, in Località Andria (BT). Oltre agli olivi, all’interno dell’azienda è presente un frantoio certificato biologico, non promiscuo (dedicato esclusivamente alla produzione di olio biologico). 

- Az. Agr. Germani Tandoi Filippo e Adalberto coltiva circa 59 ettari di oliveti cultivar Coratina, in località Corato (BA) ai piedi della Murgia. E’ un’azienda agricola famigliare con oliveti secolari e impianti di nuova concezione. 

Queste aziende agricole sono state selezionate e controllate dagli agronomi del nostro settore agricolo partendo dalle linee guida del progetto “Le Terre di Ecor”. 

Le olive sono raccolte a mano, con l’aiuto di piccole macchine agevolatrici che lavorano in modo leggero per non creare danni alla pianta.

La varietà Coratina

L’olio extra vergine Ecor Puglia di Filiera DOP Terra di Bari “Castel del Monte” viene ottenuto dalla molitura di olive cultivar Coratina. La Coratina è una cultivar di oliva, chiamata anche Cima o Racioppo di Corato, di origine antica; prende il nome dal territorio di Corato in cui è molto diffusa. Pianta vigorosa con una chioma relativamente folta, di elevata produttività e resa in olio. Importante è anche il contenuto in polifenoli (oltre il 300% in più del contenuto medio di tutte le altre cultivar di olive).

Il suo olio si caratterizza per marcate note di amaro e piccante dovuto alla presenza di polifenoli: potentissimi antiossidanti che contribuiscono a migliorare la vita dell’olio (e non solo…). Le foglie hanno la parte superiore verde chiaro e quella sottostante grigio-argento; Il frutto è allungato e un po’ asimmetrico, apice e base sono evidentemente arrotondati e la presenza di numerose e piccole lenticelle conferisce loro l’aspetto di frutti succulenti e di facile individuazione. È verde con macchiettine bianche e quasi mai nero, anche se maturo.

Il Frantoio 

Il frantoio selezionato e qualificato per il nostro olio extra vergine d’oliva di filiera Puglia è quello dell’azienda agricola biologica Agrinatura VEG di Giancarlo Ceci: il risultato del lavoro di otto generazioni di agricoltori. Rispetto delle tradizioni, ma anche vocazione per l’innovazione e attenzione costante per la qualità del prodotto e dell’ambiente. Il frantoio è dedicato alla molitura di solo olio biologico.

Dall’oliva all’olio

L’accumulo di sostanza grassa nella drupa è massima quando si ha sulla pianta il 10% d’invaiatura, cioè quando su 100 olive 10 iniziano a invaiare (a diventare nere). 

Questo è il momento in cui raccogliamo le nostre olive per essere poi molite in frantoio entro le 48 ore successive. In quel momento si accumula il massimo della sostanza grassa e quindi si avrà un buon olio. Si avrà anche un contenuto d’acqua maggiore rispetto all’oliva completamente nera.

Il frantoio sottoscrive un preciso accordo di filiera che dettaglia tutti  gli impegni da assolvere. Il protocollo di tracciabilità è ferreo e il nostro ufficio controllo qualità ne segue ogni fase.

Alla fine della molitura di ciascun lotto, l’olio viene sottoposto a un’analisi chimica e a una qualitativa attraverso la valutazione sensoriale.

La molitura

L’estrazione è meccanica a freddo, con cicli continui a temperatura inferiore a 27C°.

La frangitura è a martello; l’impianto è ripulito dopo ogni ciclo di lavorazione. La massa è sottoposta a centrifuga, per separare l’acqua dalla parte oleosa. Sono utilizzati solo processi meccanici e fisici.
L’olio deve essere di prima spremitura.

Lo stoccaggio

Speciali serbatoi numerati e identificati sono dedicati all’olio Ecor per continuare a tracciare la filiera. L’olio viene fatto riposare per far depositare le particelle sul fondo dei serbatoi.

Durante lo stoccaggio, calore, luce e ossigeno potrebbero alterare il gusto dell’olio; per questo motivo i serbatoi sono di acciaio inox, protetti dalle temperature estreme con pannelli isolanti, il cui spazio di testa è saturato di gas inerte (argon) che impedisce il contatto con l’aria. Settimanalmente sono inviate al Sistema Informativo Agricolo Nazionale  le informazioni di carico e scarico e lo stato di giacenza. 

Imbottigliamento

Anche l’imbottigliamento è monitorato con analisi specifiche.

Le bottiglie sono scure per garantire una stabilità del prodotto ed evitare processi d’ossidazione. La scadenza riportata sulla confezione è di 18 mesi dalla data di imbottigliamento.

Caratteristiche dell’olio extra vergine Ecor Terra di Bari “Castel del Monte”

  • Colore verde con riflessi gialli

  • Odore fruttato intenso

  • Sapore fruttato e note mediamente  amare  e piccanti. In cucina con poche gocce trasferisce ai cibi un sapore gradevole e corposo

  • Il pizzicore e la leggera sensazione di amaro sono da associare all’elevata presenza di polifenoli naturali

  • L’acidità è di 0,3%, massimo 0,5%

Consigli di utilizzo

Si sposa bene con primi piatti, verdure, carne e legumi. Un’alternativa è abbinarlo a piatti dal sapore deciso o tal quale con pane o pizza integrale e pomodoro fresco.