{{content.title}}

Home / Magazine / {{content.title}}

{{content.extra_fields.abstract.value}}

{{getImageAlt(content, null)}}
Antipasto musicale

ELETTRICO Q.B.

{{getImageAlt(content, null)}}
Primo Piatto

UN SAPORE DOLCE, MA MATURO

Internet mystery dai suoi esordi nel 2013, Rhye è un progetto nato dall’incontro di diversità, intreccio di mail, musicisti, idee. Probabilmente appartiene più agli aeroporti di America ed Europa, che a una città o a qualche particolare scena. Quello che è certo è che nasce dall’incontro del cantante e musicista canadese Mike Milosh con il produttore danese Robin Hannibal, tra Berlino, Los Angeles e parecchi altri posti. Quello che resta è uno sguardo dolce, seppur sempre maturo, sul mondo interiore e il mistero della relazione con l’altro.

{{interaction.resource_info.title}}

{{getImageAlt(content, null)}}
Secondo Piatto

TRA GIAPPONE E SVEZIA

I formaggi

Forse l’estate è finita, eppure, tecnicamente, abbiamo tempo fino al 21 del mese per non scandalizzare nessuno se un ritmo soleggiato ci coglie all’improvviso e siamo presi dal desiderio di saltare sulla tavola apparecchiata, aprire le braccia e la gola e cantare liberi la nostra nostalgia e voglia di appartenere al mondo. Da sempre è il flamenco a dare voce a questa urgenza, questa spinta forte da dentro a fuori, liberatoria. Battete i piedi e le mani, è l’ora!

{{interaction.resource_info.title}}

{{getImageAlt(content, null)}}
Dessert

COME UN SOGNO AD OCCHI APERTI

È curioso quanto certa musica non chieda altro che essere ascoltata. La musica a volte è come una donna troppo bella per essere distolta dal suo attimo. Esiste, come un sogno ancora vivo al sorgere del giorno che cerchiamo di trattenere il più a lungo possibile difendendolo dai nostri stessi pensieri. In questo stato dobbiamo immaginarci in Vienna, centottanta anni fa, mentre, in una stanza illuminata dalla luce di alcune candele a olio, Robert Schumann rivive, immagine dopo immagine, il mondo dell’infanzia. E’ un sogno ad occhi aperti (Träumerei, in tedesco) che arriva, lo si trascrive di getto al pianoforte. Vladimir Horowitz rivive queste visioni in un omaggio a Schubert registrando le Kinderszenen nel dicembre del 1962.

{{interaction.resource_info.title}}


Ascolta la nostra radio!


{{interaction.resource_info.title}}