Prodotti
Categorie

Giornata internazionale del risparmio energetico. Scopri l'impegno green di NaturaSì

News

 

 

Cambiamenti climatici, agricoltura biologica, mobilità sostenibile, transizione ecologica: tutti termini di cui oggi si sente un gran parlare e di cui se ne sottolinea l’urgenza. Ed era ora, vista l’accelerazione dell’innalzamento delle temperature che ha portato eventi catastrofici devastanti per il Pianeta e per intere popolazioni. E, secondo il parere di molti ricercatori, è anche una delle concause della diffusione di pandemie. In realtà, ormai da tempo si chiede un’inversione di tendenza dell’intero modello di sviluppo dei Paesi industrializzati. Risale al 16 febbraio 2005, infatti, la firma del Protocollo di Kyoto, ovvero del Patto ratificato da 192 Paesi per fermare la febbre del Pianeta e diminuire il riscaldamento globale che, secondo i calcoli dell’IPCC (Gruppo intergovernativo sui cambiamenti climatici), si aggira tra i 2 e i 6 gradi alla fine secolo. Si tratta di un accordo vincolante che oggi compie 16 anni, il primo a livello mondiale. Nel 2015 è stato infatti seguito da quello di Parigi, che – anche se meno stringente a livello di impegni - ha il vantaggio di aver coinvolto tutte le più importanti nazioni, chiamandole alla necessità di cambiare i nostri modelli produttivi. Dall’industria all’agricoltura, dai trasporti ai sistemi energetici. Ma anche i nostri stili di vita. NaturaSì nasce già con questa mission: promuovere un sistema di produzione agricola e alimentare sostenibile dal campo alla tavola. E proprio per questo ne sposa tutti i principi anche nell'attività quotidiana, a partire da soluzioni innovative e green applicate anche alle sedi e ai punti vendita.

NaturaSì in 6 progetti green

Energia da fonti rinnovabili

Nell'ultimo anno le nostre 4 sedi (Bologna, San Vendemiano, Torino e Verona) hanno utilizzato 7.390.430 kWh di energia elettrica che, provenendo da fonti rinnovabili, hanno permesso di evitare l'immissione in ambiente di 3.052 ton. di Co2 rispetto al mix energetico nazionale. Sarebbe l'equivalente di 202.200 alberi di alto/medio fusto messi a dimora in zona urbana. Per quanto riguarda le 289 attività (270 negozi e 19 unità produttive) del nostro ecosistema che utilizzano energia proveniente da fonti rinnovabili, nell'ultimo anno hanno utilizzato 21.112.135 kWh di energia elettrica evitando quindi l'immissione in ambiente di 8.655 ton. di Co2 rispetto al mix energetico nazionale, l'equivalente di 577.075 alberi di alto/medio fusto in zona urbana.

 

Impianti fotovoltaici

Attualmente abbiamo in funzione due impianti fotovoltaici presso le sedi di San Vendemiano e Bologna e 11 impianti presso altrettanti negozi per un totale di 924,55 kWp. Questi impianti, dislocati in diverse città d'Italia, sviluppano una produzione annua di circa 1.113.000 kWh e consentono un risparmio di emissioni di Co2 di 456 ton/a, equivalenti a quasi 30.400 alberi di alto/medio fusto in zona urbana  Nel 2021 è prevista l'installazione di altri impianti per una potenza di circa 1.500 kWp che potrebbero conserntire una riduzione di emissioni di Co2 di altre 771 ton/a .

 

Relamping

Il progetto relamping, vale a dire la sostituzione delle lampadine con led, prenderà vita all'inizio del 2021 e potrebbe coinvolgere circa 80 negozi a insegna NaturaSì per un investimento superiore al milione di euro. Questo progetto potrà consentire un risparmio di oltre 500.000 kWh all'anno con una riduzione di 660 tonnellate di Co2 all'anno, equivalenti a 44.600 alberi di alto/medio fusto in zona urbana. 

 

Colonnine di ricarica

Attualmente sono in funzione presso i nostri negozi 7 colonnine di ricarica che, nell'ultimo anno hanno permesso 669 ricariche per un totale di 5.642 kWh di energia erogata che hanno permesso di percorrere circa 37.700 km di strada evitando l'emissione di 5.678 kg di Co2 rispetto a quanto emesso da un’auto a benzina. Nel 2021 prenderà finalmente vita il progetto "Sì Ricarica" con l'obiettivo, attraverso il coinvolgimento delle comunità locali, di installare altre 20 colonnine di ricarica presso i negozi NaturaSì.

 

Raccolta olio vegetale

Il rifiuto olio e grasso commestibile è considerato un rifiuto non pericoloso, eppure può essere altamente dannoso per l’ambiente, in particolar modo per i consumi domestici nelle abitazioni dove non esiste l’obbligo di raccolta dell’olio e del grasso vegetale e animale esausto. Si considera che il costo di tale dispersione è globalmente valutabile in oltre 10 milioni di euro annui, secondo le stime del CONOE. Stiamo quindi definendo un accordo con CONOE (Consorzio nazionale di raccolta e trattamento degli oli e dei grassi vegetali) in modo tale che attraverso i negozi NaturaSì che aderiranno all'iniziativa, sarà possibile per tutti i cittadini trovare dei comodi punti di raccolta per questo olio esausto. Al momento è difficile prevedere l'impatto che questo accordo avrà sull'ambiente ma verrà rendicontato tutto l'olio raccolto attraverso i nostri negozi.

 

Plastic free

Continua l'iniziativa plastic free che, per quanto riguarda l'eliminazione dell'acqua in PET, ha ormai coinvolto 110 negozi NaturaSì consentendo una riduzione di circa 900.000 bottiglie in Pet all'anno per un risparmio di 60 ton. di Co2/a e di 890.000 litri di acqua necessari alla produzione delle bottiglie.