{{content.title}}

{{content.description}}

Home /  Ortofrutta di stagione /  Broccolo

{{content.title}}

{{content.extra_fields.abstract.value}}


1. Dall’antica Roma alla conquista del mondo

Appartenente alla famiglia delle Cruciferae, il cavolo broccolo era conosciuto già al tempo dei Romani che ne coltivavano la varietà calabrese, trasmessa fino ai nostri giorni. Rimase un alimento sconosciuto al di fuori della penisola almeno fino al 1533, per poi diffondersi oltralpe. Negli Stati Uniti i broccoli divennero popolari a partire dal 1922, quando due immigrati partiti da Messina cominciarono a distribuire i suoi semi nelle varie città della California.


2. Il broccolo è in realtà un fiore non maturo

I broccoli sono un particolare tipo di cavolo, molto ricco di acqua, fonte naturale di vitamine e sali minerali. Si tratta di fiori commestibili non ancora completamente maturi dal colore verde intenso, formati da germogli di grandezza variabile e circondati da foglie scure e ondulate. Sono una vera e propria miniera di nutrienti e un prezioso alleato delle difese immunitarie.
 

3. È un ortaggio tipico della stagione invernale

Il broccolo teme quasi esclusivamente il ristagno dell’acqua. La raccolta viene effettuata attraverso il taglio dell’infiorescenza, in modo da lasciare integra la pianta, che può gettare altri germogli nelle settimane successive. Il pomo centrale del broccolo è il primo a nascere, in seguito, sugli ascellari, la pianta dà vita a fiori commestibili più piccoli, conosciuti con il nome broccoletti.
 

4. C’è un modo perché non emani odore sgradevole durante la cottura

Bolliti, stufati o cotti a vapore: i broccoli sono i protagonisti di molti piatti invernali della cucina tradizionale italiana. Durante la cottura emanano un forte odore che può sembrare sgradevole: ciò è dipeso dall’alto contenuto di zolfo che viene liberato in presenza di elevate temperature. Per rimediare all’inconveniente è sufficiente unire al cavolo un po’ di mollica di pane bagnata con l’aceto, prima di aggiungervi l’acqua per la cottura.
 

5. Tende a deperire rapidamente

Tra gli ortaggi invernali il broccolo è quello che tende a deperire più in fretta. Infatti i suoi germogli continuano a crescere anche dopo essere stati recisi. Uno dei primi segnali di deperimento è l’aspetto giallognolo che assumono le estremità dopo qualche giorno dall’acquisto e la tendenza delle cimette a staccarsi facilmente.

{{interaction.resource_info.title}}

Le proprietà del broccolo

È remineralizzante

100 g contengono il 17% del consumo di riferimento giornaliero di potassio, che contribuisce al normale funzionamento del sistema nervoso, alla normale funzione muscolare e al mantenimento di una normale pressione sanguigna.

È ricco di vitamina C!

100 g contengono oltre due terzi del consumo di riferimento giornaliero di vitamina C, fondamentale per contribuire alla normale funzione del sistema immunitario, dei vasi sanguigni e del sistema nervoso.

È ricchissimo di vitamina K

In soli 100 grammi è presente il 188% del consumo di riferimento giornaliero di vitamina K, che contribuisce alla normale coagulazione del sangue e al mantenimento di ossa normali.

Come e quando inserirlo nell’alimentazione dei bambini?

DAI 6 AI 9 MESI possono essere utilizzati fin dalle prime pappe nel brodo e poi passati o frullati in piccola quantità.

DAI 9 AI 12 MESI i broccoli possono essere serviti sia frullati nella pappa che offerti a piccoli pezzetti per far prendere meglio confidenza con la forma e la consistenza.

DOPO L'ANNO possono essere serviti come per gli adulti o di contorno a pezzetti, insieme alla pasta oppure gratinati al forno.
{{getImageAlt(content, null)}}

Il cavolo broccolo che trovi in assortimento nel nostro reparto ortofrutta proviene dalle seguenti aziende agricole che fanno parte del Progetto Le Terre di Ecor: Fattoria Di VairaAz. agr. Domenico Simmarano, Az. agr. Cosmo BioAz. agr. Brio Mazziotta.