{{content.title}}

{{content.description}}

{{content.title}}

{{content.extra_fields.abstract.value}}

1. Religione, pittura e letteratura ne raccontano il dolce frutto e i suoi derivati

Dalle rappresentazioni pittoriche di Bacco, il dio del vino, all'ubriacatura di Noè, raccontata nel libro della Genesi: l'uva e il suo più celebre derivato, il vino, sono da sempre argomento letterario per eccellenza. La favola della volpe e l'uva di Esopo è forse l'opera più popolare a riguardo.
 

2. Dal verde al viola scuro: diversi sapori e gradi di maturazione

L’uva è il frutto della vite, pianta dall’andamento rampicante appartenente alla famiglia delle Vitacee. Si presenta in grappoli (racemi) composti da una parte centrale legnosa (il raspo o graspo) cui sono attaccati gli acini (tecnicamente delle bacche) che possono essere più o meno grandi, con colori che vanno dal verde al rosato fino al viola scuro. Il differente colore degli acini indica i diversi gradi di maturazione: quella bianca virerà dal verde al giallo mentre quella nera tenderà a scurirsi.
 

3. Si conserva in frigorifero dentro un sacchetto di carta da pane

L’uva viene raccolta tra la fine dell'estate e l’inizio dell’autunno. Al momento dell’acquisto, gli acini devono essere ben attaccati al raspo e apparire sodi e integri. Può essere conservata in frigorifero, dove resiste anche per una settimana se riposta all'interno di un sacchetto di carta da pane, per preservarla dall’umidità.
 

4. Dell’uva non si butta via niente

L’uva viene consumata sia fresca che essiccata, da sola oppure per la preparazione di torte, creme e dessert. Dall’uva si ottengono il mosto e la composta, nonché il succo, da bere fresco durante l’estate oppure caldo nelle giornate autunnali. Il succo d’uva, specialmente quello concentrato, è utilizzato anche come dolcificante per la preparazione di dolci da forno.
 

5. Il dolce frutto dalle virtù detox

La tradizione popolare le attribuisce molteplici virtù, tra cui quelle depurative che aiutano a disintossicare l’organismo. In ogni caso, visto il suo elevato contenuto di zuccheri, l’uva viene generalmente sconsigliata a chi deve limitare l’assunzione di questi nutrienti.

{{interaction.resource_info.title}}

{{content.title}}