Primi

Quiche integrale con zucca, cipolla rossa e formaggio feta

I colori dell’autunno subito in tavola con questa quiche a base di zucca, resa più intrigante da una spolverata di feta greco.

difficoltà
Difficile
dosi per
4 persone
cottura
30 minuti
preparazione
30 minuti + 1 ora di riposo
a cura di
Benedetta Marchi
difficoltà
Difficile
dosi per
4 persone
cottura
30 minuti
preparazione
30 minuti + 1 ora di riposo
a cura di
Benedetta Marchi
NaturaSi-Quiche-integrale-zucca-cipolla-rossa-formaggio-feta

Ingredienti

  • Farina integrale
    300 g
  • Olio di semi di girasole
    95 g
  • Acqua
    50 g
  • Uova
    2
  • Sale
    q.b.
  • Zucca
    500 g
  • Ricotta
    250 g
  • Formaggio feta
    50 g
  • Cipolla rossa
    1
  • Rametto di rosmarino
    1
  • Olio extra vergine di oliva
    q.b.
  • Pepe
    q.b.

Preparazione

Iniziate dalla base della quiche. In una terrina versate la farina integrale, il sale e l’uovo; iniziate ad amalgamare e aggiungete man mano l’olio e l’acqua. Impastate fino a ottenere un panetto omogeneo, che lascerete riposare coperto in frigorifero per almeno un’ora. Per la farcia, tagliate a cubetti la zucca con la buccia e cuocetela in padella con un filo d’olio, sale, pepe e rosmarino. Una volta cotta, frullatene 300 g in un mixer, fino a ottenere una purea densa. Aggiungete al composto anche un uovo e la ricotta e amalgamate bene tutti gli ingredienti. Prendete una cipolla rossa, privatela della buccia e tagliatela a rondelle. Fatela rosolare in padella con un filo d’olio, salate e pepate.

Assemblate ora la torta. Per prima cosa, stendete la pasta frolla e disponetela su una teglia di circa 24 cm di diametro, foderata con carta da forno. Versate all’interno la purea di zucca e ricotta e decorate con le rondelle di cipolla, i restanti cubetti di zucca, il formaggio feta sbriciolato e rosmarino fresco. Cuocete in forno a 200 gradi per 30/40 minuti. Servitela tiepida.

Puoi preparare questa ricetta utilizzando anche l’ortofrutta dei CosìperNatura: prodotti imperfetti, irregolari o dalla forma insolita, ma ugualmente buoni. Sono il frutto di un progetto condiviso da NaturaSì con Legambiente, per contribuire alla riduzione dello spreco alimentare fino sul campo.