Prodotti
Categorie

Azienda Agricola Fattoria Di Vaira

Le Terre di Ecor

La Fattoria di Vaira: un’azienda agricola biodinamica sulle colline di Petacciato, in Molise, che si è rinnovata con lo scopo di rafforzare il legame con il territorio circostante. 

 

La Fattoria Di Vaira, che fa parte de Le Terre di Ecor, è un esempio virtuoso di un modo diverso di fare agricoltura, che mette al centro la responsabilità ambientale e sociale. Tra il verde delle colline e l’azzurro del mare, la Fattoria a oggi vede impegnate sul campo oltre 60 persone, in un’area geografica che non offre grandi opportunità lavorative. La solidarietà sociale è alle origini di questa fattoria: già nei primi del Novecento il fondatore, il Cavalier Di Vaira, tradusse questo obiettivo nell’insegnamento dell’agricoltura agli orfani di guerra.

Alla guida dell’azienda oggi troviamo Fabio Cordella e la moglie Elissa, sostenuti da Elia Gius, socio fondatore della Di Vaira e amministratore dei negozi NaturaSì del Trentino, nonché di Fabio Brescacin, presidente di EcorNaturaSì. Accanto a loro, nel nuovo organigramma, tre professionisti esperti: Antonio, agronomo, che si occupa delle coltivazioni; Pasquale, tecnico alimentare che segue la trasformazione; Enrico, capo operaio, che coordina le squadre di lavoro in campo.

 

La vocazione biodinamica: l’azienda agricola come organismo vivente

Il nuovo direttivo ha contribuito a rafforzare la vocazione biodinamica dell’azienda: tutta la produzione degli oltre 600 ettari di terreno è certificata Demeter, sia per le coltivazioni in campo aperto che per l’oliveto e il vigneto. È stato inoltre messo a dimora un nuovo frutteto e sono stati pianificati 17 ettari per l’orto invernale. 

L’azienda agricola è un vero e proprio organismo vivente, circondato da macchie boschive, laghetti artificiali, siepi, la sostanza organica compostata viene usata come concime per il terreno, in cui viene praticata la rotazione delle colture. Alla Di Vaira è allevata anche una mandria di 200 bovini, di cui 110 vacche in lattazione, il cui latte – oltre a essere utilizzato per l’alimentazione dei vitelli – viene trasformato in formaggio nel caseificio aziendale. Nel caseificio, che di recente è stato completamente rinnovato, ogni settimana vengono trasformati circa 40 quintali di latte, utilizzati per la produzione di mozzarelle, caciocavallo, scamorza e ricotta, a cui si aggiungeranno anche altri caci. Sono stati inseriti in azienda anche i maiali, che rivestono un ruolo importante, perché il siero ricavato dalla lavorazione del latte viene utilizzato per la loro alimentazione. 

 

Il nuovo volto della fattoria: più spazio all’accoglienza degli ospiti

Nell’arco del 2020, la Fattoria di Vaira ha attraversato numerosi cambiamenti, tutti con lo scopo di rinsaldare l’ancestrale rapporto con il territorio:

  • Ospitalità: la ristrutturazione della villa ha permesso di adibire il piano terra a ristorante, con nuove cucine e una nuova sala da pranzo. Si offre sia la possibilità di mangiare all’interno che all’esterno, dove è stata allestito un chiosco per serate di musica dal vivo. 
  • Un ettaro del terreno è stato poi adibito al nuovo progetto della fattoria didattica, che in cui si trova sia l’orto, dedicato a chiunque voglia conoscere meglio la natura (scuole, famiglie, amici…), sia una zona in cui entrare a contatto con gli animali della fattoria: conigli, capre, asini, galline e tacchini.
DOVE SIAMO

Azienda Agricola Fattoria Di Vaira

Contrada Colle Calcioni

Petacciato (CB)

NaturaSì e le Terre di Ecor

I produttori del nostro ecosistema sono impegnati ad adottare tecniche che nutrono il terreno, lo mantengono fertile e contribuiscono alla biodiversità. Le Terre di Ecor è una rete di aziende agricole biologiche e biodinamiche unite da un rapporto speciale con la terra e dall’impegno nei confronti della natura e delle persone, disposte a condividere esperienze e competenze per produrre un biologico non solo certificato ma di qualità; un sistema volto a garantire un reddito adeguato a coloro che lavorano per mantenere fertile la terra, sottraendola all’abbandono, al degrado, alla cementificazione.