Prodotti
Categorie

Azienda Agricola Vernelli

Le Terre di Ecor

“Per noi praticare un’agricoltura che non sia bio è impensabile”

- Marisa e Matteo Vernelli

 

Il nostro lavoro dialoga con la natura a tutto tondo. Sono Marisa e, con mio marito Matteo, sono titolare dell’Azienda Agricola Vernelli, un'impresa familiare dall’anima bio a Faenza. Ci siamo convertiti al biologico nel 1999, anche se i miei genitori, da cui ho ereditato l'attività, non hanno mai praticato il diserbo e da sempre preferivano ricorrere alle lavorazioni del terreno e a tecniche alternative: sono stati tra i primi in Emilia-Romagna ad aderire alla lotta integrata già negli Anni Ottanta, a seguito della pubblicazione del primo disciplinare ufficiale in materia. Tuttavia, la scelta di abbracciare in modo definito l'agricoltura biologica è frutto di uno studio genetico che ho condotto durante gli anni di università, i cui risultati hanno evidenziato come i prodotti chimici utilizzati nel metodo tradizionale possano creare intossicazioni. Per tutti questi motivi, per noi praticare un’agricoltura che non sia quella bio sarebbe impensabile! Da sempre coltiviamo con dedizione specialità tipiche delle nostre zone, come pesche, albicocche, susine, ciliegie, cachi, kiwi, mele e qualche pera convinti che ogni consumatore che sceglie prodotti agricoli biologici non fa del bene solo a sé stesso ma anche all'ambiente.

DOVE SIAMO

Azienda Agricola Vernelli

Via Vernelli, 3

Faenza (RA)

NaturaSì e le Terre di Ecor

I produttori del nostro ecosistema sono impegnati ad adottare tecniche che nutrono il terreno, lo mantengono fertile e contribuiscono alla biodiversità. Le Terre di Ecor è una rete di aziende agricole biologiche e biodinamiche unite da un rapporto speciale con la terra e dall’impegno nei confronti della natura e delle persone, disposte a condividere esperienze e competenze per produrre un biologico non solo certificato ma di qualità; un sistema volto a garantire un reddito adeguato a coloro che lavorano per mantenere fertile la terra, sottraendola all’abbandono, al degrado, alla cementificazione.